Piero Fabris

Piero Fabris, nato a Baudour (Belgio) nel 1965, è pittore e poeta. Appassionato di fiabe, miti, leggende e tradizioni popolari, trasferisce nella sua produzione artistica il frutto delle sue ricerche nel campo dei simboli. 

Ha pubblicato i racconti Gessetti per tratti incerti (1990) e Testapersa. Dialogo con Rosaluna (1991) e più recentemente: La Rosa dei venti e il segreto del Monterosso (2010); il romanzo La Masseria delle Cinquanta Lune (2012); la raccolta di poesie Pigmenti D’Arpa. Sistole e Diastole (2013). Nel 2014 ha dato alle stampe monologhi per il teatro e altri racconti, pubblicati col titolo Inchiostrati sulla Lama del Rasoio e il romanzo Voglio togliere l’acqua del mare. Nel 2016 ha pubblicato una nuova raccolta di poesie dal titolo Tasselli in macchia arsa e sfumature di contrasto. È autore inoltre del volume Fiabe in sassi e salsedine ovvero il Tavoliere di fiabe e cicoria (2017) e del testo teatrale Rosa Hrand… agio dedicato al poeta armeno Hrand Nazariantz.

Per Les Flâneurs Edizioni ha curato il testo Chiara Samugheo. Un’amazzone della fotografia (aprile 2017).

Risultato della ricerca

Prodotti per riga: 2 3 4 5 6