fbpx

Il Nuovo Regime

Poco più di due giorni erano passati dall’arrivo della lettera. Reat e Vultus avevano ponderato su come agire. Avevano assistito a un atto di tradimento, e meno di una settimana dopo avevano ricevuto un invito per chiarire l’accaduto. «Sei sicuro?». Reat fissava assorto fuori dalla finestra del loro rifugio di Tarlastin da quella che pareva … Leggi tutto

Sandro

Sua madre non lo chiamava mai per nome. Non che usasse epiteti affettuosi o nomignoli vari. Non lo chiamava e basta. «Sbrigati, sistema la tua stanza prima di andare a scuola».  «Porta fuori la spazzatura».  «Mangia tutto, non lasciare niente nel piatto». «Lascia stare il cane. Non tirargli la coda». «Fai i compiti».  Avrebbe potuto … Leggi tutto

Mero

La giornata luminosa, mitigata da una lieve brezza montana, invitava a rilassarsi dopo le libagioni e l’abbondante pasto servito dall’oste, per cui a un tratto mi trovai di fronte a uno spettacolo insolito: alla chetichella, l’intera corte d’assise di Bonn, si era sparsa nella radura – chi all’ombra di un albero, chi in piena battuta … Leggi tutto

L’oste

La giornata luminosa, mitigata da una lieve brezza montana, invitava a rilassarsi dopo le libagioni e l’abbondante pasto servito dall’oste, per cui a un tratto mi trovai di fronte a uno spettacolo insolito: alla chetichella, l’intera corte d’assise di Bonn, si era sparsa nella radura – chi all’ombra di un albero, chi in piena battuta … Leggi tutto

Disturbi del comportamento alimentare

Si chiamano così: DCA (“Disturbi del comportamento alimentare”) e, come recita Wikipedia, comprendono “tutte quelle problematiche psicologiche che concernono il rapporto tra gli individui e il cibo”. Pare ormai accertato che l’anoressia nervosa e il BED (Binge Eating Disorder) o “Disturbo da ingestione incontrollata”, abbiano in comune la caratteristica di utilizzare il cibo come oggetto … Leggi tutto

Canta con me

Rannicchiata sul sedile posteriore dell’auto, che proceda verso il mare del Gargano, ripensavo alla mia vita in quell’afosa giornata di luglio, una di quelle brucianti che la Capitanata dispensava generosamente durante l’estate. La voce di Ester, seduta al mio fianco, riempiva l’abitacolo. Suo zio Massimo, alla guida dell’auto, era concentrato sulla strada. Sorrisi, mi invase … Leggi tutto

Giuliana

Sergio era dunque un solitario, ma non un uomo solo. Suo figlio Spartaco se ne rese conto proprio quando perse il padre. Gli amici, le amiche di Sergio si affollarono nella casa di campagna per porgere le affettuose condoglianze. Era una bella brigata, soprattutto molto eccentrica. C’era di tutto. Ma lui e la madre Marta … Leggi tutto

A bottle of bourbon, please…

Martin si volse a guardarli al loro ingresso nella sala del ristorante. Lei, sì, proprio quella splendida creatura che al suo arrivo al Grand Hotel aveva potuto ammirare solo di spalle, mentre era intenta a godersi la vista sulla città. Ancora nell’abito bianco, semplice e liscio, che non faceva che accentuare la gentilezza di quel … Leggi tutto

Una lettera

“Maledetto sia il tuo segreto. Maledetto sia il giorno in cui mi hai tenuta all’oscuro, per tutto ciò che non mi hai voluto o potuto raccontare. Maledetta sia la tua ossessione per una stupida scultura. O per tutte le tue ossessioni che ti hanno accompagnato nella tua vita, nella nostra vita. Alcune le amavo anch’io … Leggi tutto

La ragazza trasparente

Alessia non sapeva bene quando si era accorta di essere trasparente. Forse era stata quella volta in cui suo padre le aveva sorriso ebete mentre nell’auricolare del cellulare ascoltava chissà chi. O quando sua madre le aveva firmato le giustifiche in bianco, senza neppure domandarle il perché non aveva studiato. La firma era venuta storta … Leggi tutto